Archivi categoria: Imprese e società commerciali

Ineseguibilità in forma specifica del patto di trasformazione di un s.a.s. in s.r.l.

La Cassazione ha recentemente stabilito che il contratto preliminare di trasformazione di una società in accomandita semplice in società a responsabilità limitata, stipulato tra i soci, è insuscettibile di esecuzione in forma specifica ai sensi dell’art. 2932 cod. civ., in quanto esso prelude non ad un contratto definitivo, ma ad un atto unilaterale interno all’organismo societario, e, pertanto, il giudice sarebbe chiamato non già a decidere sul contrasto tra le parti, ma a sostituirsi alla stessa decisione interna societaria e all’indefettibile procedimento di cui agli art. 2500 e 2500 ter cod. civ. [Cass. 2 agosto 2012, n. 13904]

Annunci

E’ valida la clausola che consente la sanatoria della morosità nelle locazioni commerciali.

La suprema Corte, con la sentenza n. 7621 del 30 marzo 2010, ha ritenuto valida la clausola – liberamente scelta e accettata dalle parti al momento della stipulazione di un contratto di locazione di immobile adibito ad uso diverso da quello abitativo – che preveda la possibilità per il conduttore di sanare la mora in sede giudiziale per non più di tre volte nel corso del rapporto, in deroga alla legge 27 luglio 1978 n. 392 che, all’art. 55, contempla tale tutela per i soli conduttori di immobili destinati ad uso abitativo.

Inapplicabile la disciplina del commissariamento delle società (art. 2409 c.c.) alle srl.

La Corte di cassazione, con la sentenza 13 gennaio 2010, n. 403, ha affermato l’inammissibilità del controllo giudiziario di cui all’art. 2409 cod. civ. nella società a responsabilità limitata, sia pure allorché il ricorso sia proposto dal collegio sindacale obbligatoriamente costituito ai sensi dell’art. 2477 cod. civ.